Foto: Archivio CRF

Leo Ruedi – Sacerdote

 

Nel 1968, a 20 anni, ero preso dalla rivoluzione studentesca, che metteva in dubbio tanti valori umani e cristiani. La mia fede vacillava. Nella mia crisi profonda ho pregato Dio di darmi un cuore di carne, come promette nel libro del profeta Ezechiele.

In quel periodo ho conosciuto persone che vivevano autenticamente il Vangelo. Grazie a questo incontro ho ritrovato la mia strada e sono stato ordinato sacerdote. Dopo aver lavorato 30 anni nelle parrocchie,  sono stato accompagnatore spirituale per gli studenti di teologia. Al termine di questo compito ho ricevuto il grando dono di potermi trasferire nella Cittadella. Sono qui da 4 anni.

Vivendo con persone di culture e percorsi di vita differenti, colgo sempre di più, che Dio ha un piano stupendo per ogni persona. Qui assisto ad un fenomeno meraviglioso: le persone stabili e i giovani che vengono qui per la loro formazione, hanno fatto la chiara scelta di rispondere all'amore di Dio e lasciarLo operare nella lore esistenze.

Quanto mi sono servite le sfide e le sofferenze che ho incontrato nella mia vita! Sembra che abbiano creato in me uno spazio. Oggi posso offrire a tutti questo spazio come un posto nel quale puo‘ abitare „ la tua situazione,  il tuo problema, la tua ferita…“

Vivendo qui, si creano rapporti di fiducia che sbocciano in colloqui personali nei quali cerco di essere soltanto „ascolto“  perchè lo Spirito Santo possa illuminare quella situazione, sanare una ferita, incoraggiare chi si sente provato, condividere una gioia.

Cerco, come tutti i cittadini della Mariapoli Foco, di vivere la spiritualità che Dio ha dato a Chiara Lubich:  ci si aiuta nel vivere il rapporto profondo con Dio e fra tutti c'è un amore reciproco sincero. Una delle mie gioie più grandi è assistere a come cambia il mondo se le persone vivono la vita nuova del Vangelo: mi fa sperare che la pace è possibile, perché prepariamo la strada.